Skip links

Quando una mamma ricerca sé stessa: i 4 libri che mi hanno guidata

Quando essere mamma è uno stato di grazia.

Cominciamo il racconto dagli inizi. Dal periodo in cui cammini sorridente per strada portando il tuo pancione fiera e felice, come se vivessi in un reale stato di grazia. Non puoi mangiare prosciutto, pesce crudo, la pizza ti crea acidità, riesci a dormire solo sul lato sinistro sommersa dai cuscini e non puoi allacciarti le scarpe da sola, a meno che non voglia stare a letto per settimane con un’infiammazione del nervo sciatico.

Ma sei felice. Profondamente, incoscientemente, felice.

Immersa in questa fiducia e gioia, non realizzi che la tua vita sta per cambiare radicalmente. E non parlo solo del tempo e della stanchezza. È il tuo modo di pensare, di dare priorità alle cose, di vedere il mondo. Tutto sarà stravolto dall’arrivo di un bambino e ti ritroverai a vivere sottosopra senza rendertene conto.

Gli aspetti che cambieranno maggiormente

Non mi soffermo sui cambiamenti che avvengono con il partner, che da compagno di giochi si trasforma in padre amorevole e iperprotettivo. E nemmeno sui cambiamenti a lavoro; quando sono rimasta incinta avevo da poco aperto un Centro di supporto imprenditoriale e dopo un anno e mezzo cedetti l’attività.

Il cambiamento più grande avviene dentro di te.

Quando sei mamma ti senti parte di un disegno più grande, pervasa da una candida energia difficile da raccontare a parole, puoi solo percepirla. E si diventa più attente, più sensibili. Quale mamma non ha sentito il proprio figlio piangere pur distante kilometri?

Così mi buttai alla scoperta di questa energia, sperando di scoprire altri frammenti di me.
Ho praticato yoga. Ho partecipato a incontri buddhisti. Ho pregato in giapponese. Ho letto, di tutto. Perché cercare Sè stessi in questo mondo folle, diciamoci la verità, è davvero complicato. E farlo quando si mamma è praticamente impossibile.

Impossibile. Una parola che mal si associa con la parola mamma. E cosa diciamo sempre ai nostri figli?

Se vuoi diventare bravo in qualcosa devi praticare e avere costanza.

Così è come vivo ogni giorno, anche se in questo mio errare mi sono persa svariate volte. Non so se hai letto Gli attacchi di panico e la paura di essere felice.
Tuttavia al mio fianco ho sempre avuto il libro giusto.

Vecchia donna che legge un libro seduta in poltrona

È così che mi immagino tra qualche anno!

Mamma ricerca sé stessa con quattro libri

Adesso arriviamo alla parte interessante dell’articolo.
Come accennavo in precedenza, i libri mi hanno sempre accompagnata nella ricerca del mio Sè. Quali libri mi sono stati davvero utili?

  • La Strega di Portobello di Paulo Coelho, che mi ha insegnato a dare valore alle mie stranezze di donna.

Libro di Paulo Coelho, La strega di Portobello

SCOPRI DI PIÙ ➜

  • Piccole Donne di Louisa May Alcott, che mi ha mostrato da un’altra prospettiva la saggezza degli antichi insegnamenti.

Piccole Donne libro

SCOPRI DI PIÙ ➜

  • Il Gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach, che mi ha dato il coraggio di assecondare la mia propensione di vivere ogni giorno con leggerezza.

Il gabbiano Jonathan Livingston

SCOPRI DI PIÙ  ➜

  • L’eterna Ricerca dell’Uomo di Yogananda Paramhansa, un manuale di vita che mi ha indicato la via per poter proseguire in autonomia la ricerca di quella candida energia che senti quando diventi madre.

L'eterna ricerca dell'uomo

SCOPRI DI PIÙ ➜

Sono libri che mi hanno accompagnato durante il mio percorso, ma voi dovrete cercare i vostri, le vostre guide. E sappiate che non esiste un punto di arrivo in questo cammino. La ricerca stessa è il fine ultimo.
In bocca al lupo.

 

Buona vita
Noe

P.S. Mi piacerebbe trovare altri libri che possano accompagnarmi nella mia ricerca; se siete così gentili da consigliarmene qualcuno, lasciate un commento qua sotto!

Leave a comment